6 motivi per i quali si rende necessario il PIM nel commercio B2B

Se la tua attività B2B ha a che fare con complesse strutture di business, un gran numero di prodotti con dati molto articolati e comportamenti d’acquisto altrettanto articolati vuol dire che non puoi più fare a meno di un PIM.

Se hai a che fare anche con una sola delle situazioni di seguito riportate, questo vuol dire che il tuo business B2B non può più fare a meno di Akeneo, la soluzione di PIM (Products Information Management) e PXM (Products Experience Management) tra le più diffuse al mondo.

 

#1 Complesse strutture di business

I modelli di business e-Commerce tendono ad evolversi nel tempo, i canali di distribuzione delle informazioni continuano a proliferare e le strutture aziendali si fanno via via più complesse. Già solo per queste tre motivazioni il PIM è la soluzione ideale per aiutare le aziende B2B ad organizzare e governare tutti i dati, così da fornire agli acquirenti informazioni coerenti, complete e sempre corrette.

 

#2 Gran numero di prodotti

Sia che l’obiettivo sia guadagnare quote di mercato, soddisfare la domanda dei clienti oppure semplicemente offrire un unico punto di riferimento ai propri utenti, la scelta è spesso quella di pubblicare online molti prodotti anche diversi tra loro. Gli e-Commerce B2B si basano solitamente su ordini corposi e possono presentare inevitabilmente un elevato numero di SKU e prodotti in stock. Con ovviamente più margini di errore in caso di canali di destinazione d’uso dei dati disconnessi tra loro, ciò mette a dura prova la gestione dei dati, il trasferimento, la sincronizzazione e in definitiva l’integrità delle informazioni sul prodotto. La soluzione PIM Akeneo ti aiuta a mitigare questa “tensione” automatizzando le attività manuali e rendendo più semplice per il tuo team arricchire i dati dei prodotti.

 

#3 Dati di prodotto molto complessi

I cataloghi B2B tendono anche a contenere diverse versioni, opzioni personalizzate, vari tipi di contenuto, meta-dati e schede con specifiche tecniche di grandi dimensioni. L’uniformità di dati attraverso questi canali è un must, in quanto una scheda con specifiche errate può anche complicare o impedire un ordine importante. Ciò può causare frustrazione nell’immediato e perdita d’affari nel futuro. La soluziona Akeneo ti aiuta ad eliminare i dati errati e incoerenti, migliorarne la qualità e creare fiducia nelle relazioni con i tuoi clienti.

#4 Complessi comportamenti d’acquisto

I consumatori si spostano sempre più tra segmenti di prodotto e di prezzo, nonché i vari canali. Poiché i confini rigidi tra i vari segmenti di clienti sono per così dire “sfocati”, gli acquirenti si aspettano maggiore rilevanza e raccomandazioni basate sui loro comportamenti d’acquisto. Questo indipendentemente dal canale che hanno utilizzato in precedenza. La soluzione PIM Akeneo ti aiuterà a fornire un’esperienza unificata, ma non necessariamente uniforme, su più canali.

 

#5 Sperimentare le aspettative

I clienti hanno tendenzialmente poca pazienza quando si tratta di errori sui dati di prodotto presenti sui siti, specifiche, cataloghi o fatture. Oltre l’87% degli acquirenti abbandona un sito B2B per effettuare ricerche su un prodotto, perché la descrizione o le informazioni sul prodotto stesso erano insufficienti. Akeneo fornisce un sistema di “registrazione” che garantisce che i dati di prodotto siano accurati e aggiornati su tutti i canali di vendita.

 

#6 Aspettative di personalizzazione

Per i clienti B2B, contenuti personalizzati di alta qualità forniti durante il percorso di acquisto, rappresentano un fattore di differenziazione importante. Da alcune ricerche si evince che oltre il 50% degli acquirenti sceglie un fornitore anche in base alla sua capacità di personalizzare i dati. Akeneo consente alle aziende B2B di utilizzare dati di prodotto completi per alimentare algoritmi basati sui dati utilizzati e offrire consigli personalizzati, esattamente quando richiesti.

Raccogli, Standardizza, Arricchisci, Contestualizza e Distribuisci i tuoi dati con Akeneo PIM

Share this article

Leave a comment