Processwire: il CMS del futuro?

WordPress? Joomla? Drupal? Macchè, il CMS del futuro potrebbe essere ProcessWire.

processwire-home

Non starò qui a fare l’ennesimo confronto fra CMS, la rete ne è piena, ma chiunque abbia utilizzato i CMS che ho appena citato sa benissimo i limiti che hanno, dovuti in buona parte al fatto che si tratta di strumenti nati molti anni fa e che in certi casi sono stati a dir poco snaturati per renderli dei veri e propri CMS.
ProcessWire al contrario è un CMS molto giovane, realizzato con estrema logica e semplicità, pensato per agevolare il lavoro dello sviluppatore, ha delle API semplici e intuitive e una curva di apprendimento molto bassa.
Cercherò quindi in questo articolo di evidenziare i motivi per cui credo che ProcessWire sia un CMS il cui utilizzo sarà destinato a crescere parecchio nel prossimo futuro.

1. API semplici da utilizzare

Dal punto di vista dello sviluppatore ProcessWire è quanto di più semplice si possa immaginare. Dimenticate i metodi disordinati e poco intuitivi di WordPress. ProcessWire si basa su un concetto molto semplice: tutto è una pagina. Questo vuol dire che per recuperare i dati, siano essi news, post del blog o pagine semplici è sufficiente il più delle volte utilizzare una riga di codice del tipo:

$news = $pages->find(‘template=news, parent=notizie’);

 

2. Interfaccia amministrativa semplice e customizzabile

L’interfaccia ammistrativa è estremamente pulita e funzionale per l’utente amministratore, il quale vede solo quello che veramente gli serve, il che gli evita di fare confusione con le funzionalità e mettere il naso dove non dovrebbe…

3. Scarsa necessità di plugin

Uno dei problemi della maggior parte dei CMS è la necessità, per avviare un sito di medie dimensioni, di installare numerosi plugin, i quali hanno spesso bisogno di essere aggiornati per mantenersi al riparo da eventuali falle di sicurezza.
Il vantaggio di ProcessWire è che moltissime funzionalità si riescono a realizzare usando i metodi del core, senza bisogno di installare plugin. Per fare un esempio pratico, mi sono imbattutto recentemente nel problema di dover fare un esportazione (in csv) degli utenti del sistema, salvo trovare pochi minuti dopo un post nel forum ufficiale che spiegava come farlo con pochissime righe di codice (e senza bisogno di plugin!).

4. Nessun sistema di templating

ProcessWire non utilizza nessun sistema di templating. I template sono realizzati con semplice codice php, il che permette da una parte di non dover imparare nuovi linguaggi di templating, dall’altra di non appesantire le performance del cms, il che ci porta direttamente al punto seguente…

5. Ottime performance

Avendo una struttura semplice e compatta, ProcessWire è estremamente performante, inoltre all’occorrenza è possibile installare un plugin aggiuntivo chiamato ProCache che rende l’accesso alle pagine ancora più rapido.
Per farvi toccare con mano le performance di un sito realizzato in ProcessWire, ecco alcuni esempi di siti realizzati con questa piattaforma:

www.alpinel.com: sito di affitto chalet nelle Alpi
natgeotraveller.in: portale con un magazine, gallery, eventi e molto altro
d-challenge.dainese.com: concorso a premi sulla motoGP
ccad.edu/turn: magazine online
ht-heizelemente.de: filiale tedesca di HT S.p.A.

E ovviamente il sito ufficiale… processwire.com

 

Condividi questo articolo

Leave a comment