Sito Internet vs Pagina Facebook

Secondo voi ha sempre senso avere un un sito internet? Non è forse meglio creare ad esempio una pagina Facebook aziendale?

meglio una pagina facebook o un sito internet?Inizio con una frase letta qualche tempo fa (non ricordo dove) che all’incirca recitava così: “un sito ha senso, se lo ha il suo contenuto”. Riflettendo sul significato stesso della frase, ho pensato di scriverci un post per così dire “provocatorio” e per iniziare vi faccio subito una domanda: è sempre utile avere un sito web?

Pensiamo ad esempio a quante valide alternative ci sono oggi tra social network e blog. Alcune realtà hanno deciso che non ha nemmeno più senso avere un sito web per vendere i propri prodotti, promuovere servizi (es: associazioni ed enti) o più semplicemente mettere in mostra il proprio talento (es: designer, architetti, ecc …). Avere una pagina Facebook, offre oggi praticamente tutto il necessario per mettere in mostra tutto ciò che riguarda l’attività di un’azienda: foto, video, eventi, pubblicità mirata, applicazioni e molto altro!

Ma dubito che un’azienda possa “vivere” davvero senza un sito web. Perché? Perché cosa accadrebbe se Facebook e tutto il mondo dei social network dovessero perdere il proprio fascino e la gente, come spesso accade, prima o poi stancarsi del loro utilizzo? La vostra attività e i “vostri” contatti che fine farebbero?

Non sto cercando di spingere nessuno fuori dai social network, ne tanto meno minare l’utilizzo dei siti internet (ci mancherebbe, lo facciamo di mestiere!) ma è innegabile che vi siano alcuni problemi sia per quanto riguarda la gestione e manutenzione di un sito web, sia per quanto concerne la gestione di un profilo social … non sottovalutatelo! E sono tutti aspetti dei quali ci si dovrebbe preoccupare in fase di start-up.

Vediamo ad esempio le alcune comuni problematiche nella gestione di un sito internet:

  1. costi di hosting (larghezza banda, spazio, ecc …)
  2. scelta/registrazione e mantenimento del nome di dominio
  3. ottimizzazione per i motori di ricerca
  4. definizione del design del sito web
  5. gestione dei contenuti del sito (scegliere da subito un valido CMS)
  6. analisi dei siti web competitor
  7. il fatto che potrebbe bloccarsi in qualsiasi momento (certo dipende dal provider e dalla serietà della web agency)

Vediamo ora quelle più comunemente legate ad una pagina social:

  1. scelta del social ideale (nell’articolo parlo di Facebook ma di social network ce ne sono molti e va scelto quello giusto)
  2. interazione limitata ai soli utenti iscritti al social
  3. scelta del nome della pagina (dove possibile)
  4. impossibilità di “battagliare” lato SEO per accaparrarsi posizioni nei motori di ricerca (ma forse qui qualche esperto SEO potrebbe contraddirmi?!)
  5. il design della pagina che è limitato a pochi elementi personalizzabili e quindi uguale per tutti
  6. gestione dei contenuti post (gli utenti social sono affamati di curiosità e notizie)
  7. analisi delle pagine competitor (cosa, come e quanto scrivono?)
  8. in molte aziende l’accesso ai social è vietato
  9. vita limitata … quanto vivranno i social?!

Sei ancora indeciso? Scrivimi pure per un consiglio senza impegno!

Questi sono punti sui quali riflettere perché in alcuni casi hanno a che fare con semplici considerazioni economiche (costo di sviluppo, hosting, ecc …) in altri implicano la scelta del social più adatto e l’impossibilità di lottare costantemente per il dominio delle posizioni nei motori di ricerca (salvo ricerche mirate per brand).

Quando si avvia un business online, e non sto parlando di vendita, è sempre difficile competere con altre aziende a meno di non affidarsi a esperti SEO o che non si disponga di un budget importante. Ma affidare il proprio business e la propria visibilità ai social non è forse l’ennesima complicazione nel fare business oggi? Voi che ne pensate?

Condividi questo articolo

6 commenti

  • Ciao Emanuele!
    A mio parere, l’azienda che vuole avvicinarsi al web deve farlo con un approccio d’insieme… chiamiamolo approccio “olistico”. La presenza sul web deve essere coordinata secondo una strategia di contenuti digitale che tenga conto delle possibilità offerte tanto da un sito (immagine istituzionale, offrire contenuti senza vincoli di sorta, servizi online) quanto dai social network (che sono principalmente un modo per dialogare con i mercati). Certo questo deve tenere conto delle sempre presenti esigenze di budget, ma pianificare con cura la propria presenza digitale, con un minimo di “piano editoriale”, è diventato indispensabile per aumentare la propria reputazione e autorevolezza online. Il tutto mantenendo flessibilità per esser pronti alle continue evoluzioni della rete…

    • emanuele ferrabo

      Ciao Alberto … condivido in pieno il fatto che la strategia debba essere ben ponderata e coordinata in tutti gli aspetti della comunicazione, dal sito al social all’offline (dove ancora possa avere un senso). La mia era più una provocazione e uno spunto di riflessione, ma ritengo il sito internet polo fondamentale dell’attività di un’azienda. Flessibilità e lungimiranza nelle scelte, sempre! 🙂

  • Secondo il mio parere attualmente è decisamente più conveniente affidarsi ad una pagina Facebook. Mettiamo a confronto tutti gli aspetti tra il sito web e la pagina sui social network. Inizierei col dire prima di tutto che la pagina Facebook viene creata gratuitamente, ma c’è sempre la possibilità di sponsorizzarli tramite delle inserzioni a pagamento molto efficaci. Il sito può essere creato gratuitamente in 2 casi: affidandosi a siti maggiori quali Altervista o Google sites che però obbligano a mantenere nel dominio del sito il loro riconoscimento, oppure ci si può creare un sito web con le proprie forze solo se si è a conoscenza molto bene della programmazione tramite HTML. Ma un vero sito fatto bene è inevitabilmente a pagamento. Sul piano sociale ci sono vari argomenti da affrontare: il primo è la diffusione, infatti attualmente sono pochissime le persone non iscritte a Facebook e la maggior parte di loro sono bambini molto piccoli o anziani. La maggior parte di coloro che sono invece iscritti passa molto tempo su Facebook che è diventato oramai parte della loro solita giornata. Quindi la diffusione risulta comunque facile. Il sito invece non si trova all’interno di un social network popolato da milioni, anzi miliardi di persone. Un altro importante argomento è la comunicazione con i fan/clienti. Mentre con un sito risulta difficile comunicare con il proprietario e raramente ci sono siti fatti bene che consentono commenti, si Facebook si può mandare un messaggio al gestore della pagina anche se non si sa chi sia, si può commentare e si può anche scrivere direttamente sulla pagina.
    In conclusione io mi trovo a votare i social network anche se fa sempre comodo poter sfruttare anche un sito, magari senza costo.

    • emanuele ferrabo

      Marco, indubbiamente per molte piccole realtà, associazioni o altre attività non a scopo di lucro i social network sono una manna dal cielo. Costi di gestione nulli o quasi (vedi inserzioni o funzionalità avanzate come nel caso di Linkedin), possibilità di interagire con una vasta “popolazione” e molto altro.

      Dubito però che un’azienda strutturata possa basare la propria visibilità e la propria comunicazione o business solo sui social network. Non parlo solo di chi vende online ma di chi ad esempio ha cataloghi online di prodotti ed accessori, case studies ed altro …

      I social network sono una pedina fondamentale nella scacchiera della comunicazione e io stesso sono il primo a promuoverli presso le aziende nostre clienti e non, ma secondo me non giocano ancora il ruolo importante di re o regina soprattutto nelle medie e grandi aziende. Non conosco nessuno che mi abbia detto “ho trovato il fornitore dei miei sogni” o “ho incrementato il mio fatturato” grazie a Facebook, Twitter o altri.

      Sfruttare i social fin che si potrà questo si. Per il business vero è un’altra storia.

  • Argomento…eterno 🙂 Per il quale ho riassunto la mia personale opinione in un breve video: https://youtu.be/Xyy-FP3xaFM

Leave a comment